10 novembre 2009

Siamo Soli


Curiosando per il Blog di Byb ho scovato questa immagine che ripropongo qui sul mio blog.

Inutile dire che mi ha messo un po di tristezza

7 commenti:

Gan ha detto...

Si, mette tristezza anche a me. Poi penso a te, penso ai miei amici più cari, penso a come sono (siete) meravigliosi, penso a come vi (ci) guardano quelli in cima alla scala, e mi mette un'indicibile sconforto.

SkraM ha detto...

Di questa immagine mi ha colpito molto l'espressione della coppia gay in fondo la scalinata. Seppur minimal è cmq molto triste.

Alice ha detto...

Una, seppur piccola, realtà omofoba purtroppo c'è anche qui in Svizzera. Fortunatamente però non se ne sente parlare più di quel tanto. E ne sono sicura perché i miei migliori amici sono due ragazzi fidanzatissimi e innamoratissi che vivono insieme, e non mi hanno mai raccontato che loro o amici loro hanno avuto problemi. Quindi immagino che ci sia più tolleranza qui..

I'M SO GUY ha detto...

Ciao S.! ... anche a me piace il secondo ragazzo! ... in fondo cmq mi piacciono tutti :) se no non li avrei messi! :) :) ... notte :) IMSOGUY

byb ha detto...

è un'immagine un po' triste, ma ci ho trovato anche un messaggio di speranza: anche se altri "movimenti per i diritti civili" non riconoscono o non riconoscono quello LGBT, la strada è stata percorsa da tutti, un gradino alla volta. c'è speranza.

in più i movimenti già arrivati in cima, non hanno viaggiato tutti assieme, o almeno non per tutta la strada. ad esempio in USA il movimento per la parità alle donne, e quello afroamericano per abolizione schiavitù e parità razziale, hanno per anni lavorato assieme, con una piattaforma comune, ma poi le femministe sono state lasciate indietro, e hanno dovuto fare molti passi da sole, nonostante il loro aiuto alla causa afroamericana fosse stato significativo.

Pisolo ha detto...

Siamo Scomodi come al solito...

art_693 ha detto...

Triste, si. Indubbiamente. Ma è molto importante che se ne parli. Che ci siano reazioni. Solo così si andrà avanti.
D'altronde, per me che sono Francese, mi sembra che la mancanza di apertura mentale faccia un pò parte di questo paese. Mi ricorderò sempre come mi sono fatto aggredire verbalmente, più volte, negli anni 80, solo perchè avevo una targa straniera. Ed il silenzio imbarazzato davanti alla mia risposta in dialetto Veneto, che masticavo sufficientemente per averlo un pò imparato da mia Nonna.
Vedo anche come mi trattano in modo vergognoso, da 8 anni, i genitori del mio ragazzo, al punto che mi rifiuto adesso di vederli, fossero 10 secondi. D'accordo, loro sono del sud, con la loro mentalità, mentre ho qui dei parenti molto cattolici che ci accettano da sempre a braccia aperte, quindi non si può generalizzare. Ma finchè sono menti ottuse che ci governano...